E noi che pensiamo alle ballerine.

Il nordAfrica è in fiamme, dagli articoli che leggo sull’edizione online del corriere della sera le cose stanno andando davvero male, ma c’è da stupirsi? Lo sapevamo da anni che il leader libico da noi sostenuto commetteva atroci violenze, schierava le forze di polizia contro i manifestanti. Ci voleva tanto a svegliarci?

Comunque mentre in italia mr. rubacuori pensa a qualche modo fantasioso di chiamare la prossima legge elettorale il Libia viene oscurato tutto internet, e le vittime salgono a settanta; in Kuwait ci sarebbero almeno trenta feriti e cinquanta arresti.

In Bahrein la coalizione Wefaq, principale gruppo di opposizione sciita, ha respinto l’offerta di dialogo avanzata da re Hamad, ribadendo che prima il governo dovrá rassegnare le dimissioni e ritirare i soldati dalle strade di Manama. Lo riferisce la Bbc, ricordando che ieri sono stati almeno 50 i feriti durante i funerali dei 4 manifestanti uccisi nei giorni scorsi. Re Hamad Isa al-Khalifa aveva chiesto al figlio maggiore Salman di avviare colloqui a livello nazionale per risolvere la crisi.

Flag of the Organization of Petroleum Exportin...

l'OPEC il cartello che riunisce gli esportatori di petrolio

Anche Muscat, in Oman, è stata teatro di manifestazioni anti-governative per chiedere «democrazia» e «più soldi e più lavoro». Venerdì , dopo la preghiera , nel distretto commerciale di Ruwi, nella capitale dell’Oman, circa 300 tra donne e uomini hanno manifestato pacificamente per circa un’ora. In risposta alle proteste nate per la disoccupazione e la povertà, il piccolo paese non-Opec ha aumentato gli stipendi dei dipendenti nazionali che lavorano nel settore privato.

In Algeria dove 400 manifestanti stanno sfidando il divieto di manifestare nella capitale algerina. Nella piazza del 1 maggio, luogo di ritrovo del corteo dell’opposizione, le forze di sicurezza impediscono di sostare. Qualsiasi passante che si ferma viene picchiato dalla polizia, riferiscono testimoni oculari.

Il mondo come reagisce? Obama definisce la situazione preoccupante; di cosa si preoccupano gli stati uniti? che i regimi da loro apertamente sostenuti cadano o che vengano ripetutamente violate le più elementari regole di rispetto civile?

Vedi cara è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: